Famiglia Visconti di Modrone

Famiglia Visconti di Modrone
La famiglia Visconti di Milano risale al 1200, ma la signoria iniziò con i fratelli Giovanni e Luchino agli inizi del 1300.
I conti di Milano, sempre più potenti, alla fine del 1300 grazie a Gian Galeazzo Visconti diedero inizio alla costruzione del Castello di Grazzano.
La linea di Grazzano discende da Uberto, fratello di Matteo, signore di Milano dal 1287.
Da Uberto discendono i Visconti, conti di Lonate Pozzolo, per nomina avuta alla fine del 400 da Galeazzo Maria Sforza; che acquisirono il titolo di Marchesi di Vimodrone a fine 1700.
l nome si trasformò poi in "di Modrone" rifacendosi all'antico nome di Vimodrone: Vicus Modronis.
Nel 1840 Uberto Visconti ricevette anche il titolo di Duca, che potè trasmettere al primogenito, mentre gli altri figli ricevettero il titolo di conte, consignore, o patrizio milanese.
Il borgo di Grazzano Visconti così come lo vediamo oggi è la conseguenza delle trasformazioni avvenute grazie a Giuseppe Visconti di Modrone che tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 restaurò il castello e avviò la costruzione del borgo.

Giuseppe Visconti di Modrone

Il conte Giuseppe Visconti, duca di Grazzano Visconti, nacque a Milano il 10 novembre 1879. Si sposò con Carla Erba, ed ebbe sette figli, tra i quali citiamo il famoso regista del neorealismo italiano Luchino Visconti.
Nel 1906 dopo aver restaurato il castello ed averlo circondato di un parco, decise di avviare la costruzione di un borgo per preservare e sviluppare le attività artigianali ed agricole. Nacque così Grazzano Visconti.
Istituì la Fondazione Giuseppe Visconti con lo scopo di combattere la malaria in Puglia, Sardegna e Toscana, estese poi la sua attività filantropica creando a Grazzano l'Istituzione, ossia la scuola di artigianato artistico che fornì un'educazione ad intere generazioni di ragazzi piacentini.
Fu Consigliere delegato alla Carlo Erba, dove creò la Gi.Vi.Emme, azienda di profumi, fondò la rivista Italica, dedicata alla moda, e diede vita alla Compagnia del Teatro di Milano, diretta da Marco Praga.
Mecenate di associazioni culturali e socali, fu Commendatore della Corona d'italia, decorato con medaglie di benemerenza d'oro e d'argento.
A coronamento dei suoi riconoscimenti, il Re d'Italia nel 1938 gli concesse il titolo di Duca di Grazzano Visconti.

Luchino Visconti

Luchino Visconti

Luchino Visconti nacque a Milano nel 1906, quarto dei sette figli di Giuseppe Visconti di Modrone l'ideatore del Borgo neomedievale di Grazzano Visconti.
Luchino si appassionò al teatro molto presto, divertendosi ad allestire piccoli spettacoli con gli amici e le sorelle, anche a Grazzano Visconti. Poi ci fu la scoperta del cinema.

Nella sua carriera firmò alcuni dei più importanti capolavori del cinema italiano, tra cui "Ossessione", "Rocco e i suoi fratelli" e "Il Gattopardo".
Nel 1972 venne colpito da paralisi alla gamba e al braccio e morì il 17 marzo 1976 nella sua casa a Roma.

Filmografia di Luchino Visconti:
Ossessione (1943)
La terra trema (1948)
Bellissima (1951)
Siamo donne (1953)
Senso (1954)
Le notti bianche (1957)
Rocco e i suoi fratelli (1960)
Boccaccio '70 (1962)
Il Gattopardo (1963)
Vaghe stelle dell'Orsa (1965)
Le streghe (1967)
Lo straniero (1967)
La caduta degli dei (1969)
Morte a Venezia (1971)
Ludwig (1972)
Gruppo di famiglia in un interno (1974)
L'innocente (1976)
Schede correlate
  • Castello di Grazzano Visconti
    Residenza fortificata aperta alle visite guidate
    Nel 1395 il duca Gian Galeazzo Visconti, Signore di Milano, diede l'autorizzazione alla sorella Beatrice sposata al nobile piacentino Giovanni Anguissola a costruire un castello nella loro proprietà di Grazzano.
  • Impipatene e guarda in alto: il curioso stemma di Grazzano
    Lo stemma di Grazzano è una prova del sense of humour del suo ideatore, il Duca Giuseppe Visconti.
  • Luchino Visconti
    Luchino Visconti era il quartogenito del duca Giuseppe Visconti di Modrone (il creatore di Grazzano) e di Carla Erba, proprietaria della più grande casa farmaceutica italiana dell’epoca.

  • Enogastonomia
    Enogastonomia
  • Dove Mangiare
    Dove mangiare
  • Natura
    Natura
  • Arte e cultura
    Arte e cultura
  • Dove dormire
  • Un po' di Storia
    Un po' di Storia
  • Tradizioni e curiosità
    Tradizioni e curiosità
Visit Emilia | visit the Italian food valley
Emilia Romagna Turismo – Sito ufficiale di informazione turistica
Iat Val Nure e Val Chero
Tel +39 0523 870997
iat@valnure.info

Viale del Castello,
29020 Grazzano Visconti

Periodo di apertura:
da Marzo a Dicembre

Giorni di apertura:
da Martedì a Sabato
dalle 10.00 alle 13.00
Domenica
dalle 10.00 alle 13.00
dalle 14.00 alle 17.00
© Tutti i diritti sono riservati
IAT Grazzano Visconti Val Nure e Val Chero - telefono: +39.0523.870997 - fax: +39.0523.870997 email: iat@valnure.info
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +
powered by Infonet Srl Piacenza