La bella Rosania

Il fantasma del castello di Gropparello

Siamo nel XIII secolo, la bella Rosania Fulgosio è stata data in sposa a Pietrone, signore della Rocca di Cagnano
Durante una assenza del marito la fortezza viene assediata dai soldati del Marchese Pallavicino, comandati da Lancillotto Bracciforti, un giovane bello e coraggioso, fidanzato un tempo di Rosania.

Il manipolo di guardie rimaste a difesa del castello non riesce a far fronte agli assedianti e Rosania, per evitare guai peggiori, decide di arrendersi, ottenendo in cambio garanzia di salvezza per tutti coloro che si trovano all'interno ed evitando la distruzione della rocca.

Lancillotto prende possesso del fortilizio per conto del suo padrone e fra i due ex fidanzati scoppia nuovamente l'amore.

Qualche tempo dopo il condottiero riceve l'ordine di recarsi altrove, è costretto a partire lasciando solo un esiguo manipolo di soldati a difendere il nuovo possedimento del marchese.

Pietrone che aspetta solo l'occasione propizia si fa avanti e non ha difficoltà a sconfiggere il presidio e riprendere possesso del suo feudo.

Una serva del castello, sperando in una ricompensa, informa Pietrone del tradimento della moglie.
La vendetta del signore di Cagnano non si fa attendere, ed è terribile: con la scusa di avere un posto sicuro e imprendibile in caso di nuovi attacchi fa costruire una cella sotterranea, con ingresso chiuso da portone di ferro e mascherato da grossi massi. Allontanata la maggior parte della servitù fa organizzare un banchetto e chiede alla moglie di presentarvi conl'abito nuziale. Durante il banchetto Rosania brinda con vino nel quale era stato sciolto del sonnifero e così si addormenta. Al risveglio si trova sola, imprigionata in una cella che quasi nessuno conosce e dalla quale grida la sua disperazione senza poter essere sentita.

Ma nemmeno la domestica spiona può godere i frutti del suo tradimento, il suo corpo infatti viene trovato sfracellato nella gola del Vezzeno, la leggenda ci racconta che proprio Pietrone la pugnala e la getta nel dirupo...




  • Enogastonomia
    Enogastonomia
  • Natura
    Natura
  • Arte e cultura
    Arte e cultura
  • Personaggi
    Personaggi
  • Un po' di Storia
    Un po' di Storia
  • Tradizioni e curiosità
    Tradizioni e curiosità
Visit Emilia | visit the Italian food valley
Emilia Romagna Turismo – Sito ufficiale di informazione turistica
Iat Val Nure e Val Chero
Tel +39 0523 870997
iat@valnure.info

Viale del Castello,
29020 Grazzano Visconti

Periodo di apertura:
da Marzo a Dicembre

Giorni di apertura:
da Martedì a Sabato
dalle 10.00 alle 13.00
Domenica
dalle 10.00 alle 13.00
dalle 14.00 alle 17.00
© Tutti i diritti sono riservati
IAT Grazzano Visconti Val Nure e Val Chero - telefono: +39.0523.870997 - fax: +39.0523.870997 email: iat@valnure.info
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +
powered by Infonet Srl Piacenza